Current track

Title

Artist


3A

L’estetica dell’estinzione

02.10.19

La prima puntata della seconda stagione di 3A riparte come vi avevamo lasciati, con un estratto dal talk “L’estetica dell’estinzione” tenutosi lo scorso 31 agosto al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato. All’incontro sono intervenuti Laura Tripaldi, Enrico Monacelli, Matteo Grilli, Matteo De Giuli e Nicolò Porcelluzzi.

La temporalità che ci contraddistingue è un cerchio chiuso, in cui il futuro viene sostituito da un’infinita ripetizione dei fantasmi del nostro passato; Siamo in crisi, il nulla diventa visibile.

Siamo in un mondo di cose che continuano ad accadere senza nessun senso, un susseguirsi fluido di attività randomiche.

Siamo caduti fuori dal tempo.

Cos’è il futuro?

Con l’avvento della Rete e delle tecnologie digitali avremo dovuto vedere un mondo diverso, l’evoluzione avrebbe dovuto mostrare scenari diversi.

Queste sensazioni, teorie e concettualismi erano già stati individuati nel corso dei ‘90 e ‘00, da vari generi musicali: Nu Metal, Death Metal e Noise culture.

Generi per cui l’estinzione, la depressione e la distruzione del proprio essere sociale erano le uniche vie di evoluzione; una mostruosità culminata con il disastro dell’11 settembre: il momento in cui schizofrenia e capitalismo erano spettri manifesti che infestavano le classifiche degli album più venduti, scritti sulla base di una sofferenza psicofisica spaventosa.

Oggi, dopo 30 anni, musicisti e artisti contemporanei dei nuovi linguaggi odierni, sia musicali che artisti-concettuali, prendono spunto dai generi elencati sopra, cercando di immaginare nuovi scenari.

Tracklist

Felix Lee – Still torn ft. Oxhy
Uli K – Summoned
Show Me The Body – In A Grave ft. Denzel Curry, Eartheater & Moor Mother
P_R – YaAa
Oneohtrix Point Never – I Bite Through It