Chissà dove

 

Monthly

w/ Jacopo Buono & Devid Ciampalini

Chissà dove

Chissà dove non è un programma, è uno spazio casuale a cura di Jacopo Buono e Devid Ciampalini, un punto di non incontro. Ogni puntata avrà un ospite random che diventerà protagonista e cavia allo stesso tempo, che si districherà tra interventi audio e scelte musicali, in relazione con gli ideatori che potrebbero anche non esserci. Una strage.

                                                                                               

                                                                                        

Podcast

23/11/2020

Episodio I - Giulia Deval

1) Hai un approccio molto organico con il suono: il modo in cui usi e tratti le voci, i nastri e le sovrapposizioni. Sembra quasi che le voci lievitino tra il mondo umano e il mondo naturale, mondi che negli ultimi 100 anni abbiamo considerato divisi, e in qualche modo la tua visione cerca di riunire, divenendo altro. Cosa ti ha portato a questa visione?

2) Terrapolis è liberamente ispirato al libro “Chthulucene. Sopravvivere su un pianeta infetto” di Donna J. Haraway, una dei personaggi più influenti riguardo a nuovi orizzonti, che unisce biologia con idee di filosofia politica. Inoltre hai dedicato il disco all’attivista nativo americano Leonard Peltier. Ci potresti spiegare i collegamenti che hai adoperato nei due riferimenti citati?

3) Ritieni che in qualche modo la tua musica si possa definire politica? Perché?

4) Ho letto che rifiuti il concetto di post-umano e miri alla ricerca di un com-post: l’unione tra organico, analogico e digitale. E’ un immagine molto legata ad un possibile sviluppo della società odierna. Pensi che la situazione sociale globale avrà un cambiamento direzionato verso la tua visione? Cosa pensi del progresso?

5) Come vedi questo periodo che stiamo vivendo legato al virus?

6)Ho letto che fai parte di un network femminista chiamato Rica Rickson. Ci puoi spiegare di cosa si tratta o cosa fate?

Tracklist:

  1. giulia deval – Terrapolis
  2. giulia deval – Cameras on Pigeons
  3. Alessandro Bosetti - Gloriously Repeating
  4. E. Montanari, L. Ceccarelli, D. Roccato – Luz (audio extract)
  5. Chiara Guidi - Edipo Re di Sofocle, Esercizio di memoria per 4 voci femminili con Chiara Guidi, Angela Burico, Anna Laura Penna, Chiara Savoia (audio extract)
  6. Jaap Blonk, 2 sound poems (audio extract)
  7. giulia deval – An eagle’s cry
  8. Ghédalia Tazartès - Un Amour Si Grand Qu'il Nie Son Objet
  9. giulia deval – Guys doing Parkour
  10. Lapsus Lumine feat. Jim Black and Ernst Reijseger - In-sight
  11. Lapsus Lumine feat. Jim Black and Ernst Reijseger - Prelude to a Fish / Consider The Lobster
  12. giulia deval - Monarch butterflies
  13. giulia deval & andrea marazzi - Cyborg Sybil
  14. Nino Gvilia (giulia deval), Dario Gullo, Zevi Bordovach, Pietro Caramelli, Andrea Marazzi - Green Larynx Uterus, a concert for the Earth by Nino Gvilia (audio extract)
  15. Sidsel Endresen & Stian Westerhus - The Rustle of a Long Black Skirt
  16. giulia deval, elena quaglia, aude lorrillard, marta cellamare, Avant la Catastrophe. Parcours ethnographiques 3302 (FR version)
  17. Ivan Bringas - Puente nublado con depredadores complacientes entre la niebla
  18. Meredith Monk – Scared Song
  19. giulia deval - Pimoa’s gait
  20. giulia deval – Sowin’